Inizia qui la zona costiera più famosa della Sardegna, una delle più importanti nel mondo per bellezza e sviluppo nautico e turistico; porticcioli , cantieri, servizi, baie e isolette, parchi marini e quant'altro... bisogna vederla, se possibile non nella parte centrale dell'Estate!

L'augurio di chi, come noi, naviga lungo queste coste da vent'anni, è che la burocrazia, i vincoli, e i giochi d'interesse camuffati da regolamenti salvaguardino veramente la bellezza e l'integrità spesso compromessa di queste coste e permettano a tutti di usufruirne; gli esempi della vicina Corsica sono troppo semplici e troppo facili da copiare, e soprattutto funzionano troppo bene per sperare che vengano applicati anche qui!!

 

5 miglia a nord di La Caletta  fare attenzione alle secche dei Pedrami, indicate  sulle carte nautiche ma prive di segnalamenti luminosi, che si estendono fino ad un miglio dalla costa. Appena usciti dal porto di La Caletta se la visibilità è buona si avvista l'isola di Tavolara, imponente massiccio roccioso che domina il panorama per miglia e miglia. Il passaggio tra la terraferma e l'isola è spettacolare...

tavolara.

smeralda1.gif (49039 byte)

Superata Tavolara e il Golfo di Olbia si entra nella Costa Smeralda; porti e ridossi sono talmente numerosi che non possiamo elencarli... anche dalla strada costiera il panorama è mozzafiato

(nella foto sullo sfondo Isola dei Soffi)

Le isole di Mortorio, Mortoriotto, I Soffi e le Camere rendono varia la navigazione.

smeralda2.

smeralda5.gif (18227 byte)

A terra da Porto Rotondo a Cala di Volpe, dal Romazzino al Pevero... per tutti i gusti!

Porto Cervo resta la perla di tutta la zona, e nasce in una insenatura naturale che 35 anni fa non doveva essere niente male.

smeralda4.gif (15311 byte)

smeralda3.gif (15503 byte)

Per gli amanti della vela le imbarcazioni sono senza limiti; questa è Orion...

...ma ce ne sono anche di più belle!

smeralda6.gif (27590 byte)

...e inizia l'Arcipelago di La Maddalena

 

LOGOWELCOMElogosardegna